Indice...

 
 
 

Le Chiese

 
 

Sant'Ubaldo

La chiesa parrocchiale di S. Ubaldo risale ai primi dell’Ottocento. Il cardinale Nicola Grimaldi il giorno 6 ottobre partecipò alle solenni cerimonie di apertura; non mancarono, come è tradizione, divertimenti popolari, illuminazione e fuochi d’artificio. Nel corso degli anni insieme alla chiesa si allinearono lungo la strada principale le abitazioni che, con quelle già esistenti intorno alla torre medievale e all’antico ponte, formarono il centro originario della frazione di Passo di Treia.
Ebbe il titolo di parrocchia nel 1863 ed ottenne nel 1896 il fonte battesimale.
Delle originarie decorazioni oggi rimane il simbolo dell’Agnello al centro della calotta contornato ai quattro lati dagli Evangelisti. Altri abbellimenti furono eseguiti nel l938 dal parrocco don Otello Patrassi che nel 1914 fece anche sopraelevare il campanile, in cima al quale fu posta la statua di Maria Ausiliatrice.
Modifiche sostanziali alla struttura furono eseguite a partire dal 1949 per iniziativa del parroco don Enrico Pettinari: fu modificata la facciata, allineando i due corpi laterali, e fu realizzato l’ampliamento dell’abside trasformando così l’originaria pianta a croce greca.
Per le stesse ragioni che 160 anni fa portarono alla costruzione di una nuova chiesa, oggi, visto lo sviluppo del centro urbano, è stata avviata dal compianto parroco don Franco Giustozzi, la realizzazione di un nuovo complesso parrocchiale intitolato alla "Natività della Beata Vergine Maria", completo di strutture per il culto, per la catechesi, per l’accoglienza di giovani e anziani, per attività sociali, ricreative e di volontariato.

Il Nuovo complesso è stato terminato nell'anno 2000 pertanto la chiesa di S. Ubaldo è stata sconsacrata.